domenica 23 febbraio 2014

Security Act... adesso vi spiego tutto


Nel '35 (con la firma di Roosevelt)  è stato ufficialmente creato il Security Act che, prevedeva la creazione della SEC.  http://it.wikipedia.org/wiki/Social_Security_Act

Questa a operazione è stata messa in piedi dalla Federal Reserve System (Rothschild) e Vaticano, che insieme hanno dato vita anche alla BIS. 

L'UCC nasce, se non erro nel '52, come piattaforma regolamentatrice per gli scambi commerciali. L'Italia vi ha aderito, se non erro nel '57 con la ratifica del Trattato di Roma. 

Nell'80 a Vienna, viene istituita una piattaforma simile anche in Europa, la cosiddetta CISG (Convenzione sulla vendita internazionale di beni). 

Ora, se tutto si limitasse a questo, i  dubbi di alcuni  sarebbero anche fondati. Purtroppo si va oltre. E' a questo punto che entra in gioco il discorso del trust-Cestui Que Vie. 

Ossia l'emissione, tramite la creazione del Certificato di Nascita, del bond (titolo obbligazionario) sulla Persona Giuridica, cosa ben diversa dalla Persona Fisica, la quale viene utilizzata a Garanzia di rimborso (con il tuo lavoro in vita) a prestiti concessi allo Stato. Come potrai intuire, anche questo titolo rientra nelle transazioni commerciali, quindi, avendo l'Italia aderito alla CISG, potresti pensare che, la piattaforma usata sia quella europea. Invece no, perché i Titoli (Securities) vengono trattati solo nella piattaforma UCC, la quale è regolamentata dalla Common Law. 

L'art. 10 della Costituzione dice cosa recita. E' vero che in Italia vige la Civil Law ma, questa, si sta adattando sempre più alla Common Law. Basti pensare che il concetto di Trust, fino al '92 non era preso in considerazione. Ed infatti nel '92, con la ratifica della Convenzione dell'Aia, l'Italia ha adottato il Trust, così come concepito nei paesi del Common-Wealth, sottoponendosi ai principi di Common Law (anche se l'adattamento delle poche leggi del Codice Civile che, presumibilmente trattano qualcosa di simile, è molto lento).

Vincenzo Zamboni

2 commenti:

  1. Ciao Paolo,
    davvero complimenti per il tuo ottimo articolo che condivido al 100% e ribloggo anche sul mio sito www.ilmioprimoministro.it con il tuo permesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lavoriamo in tutti i modi per la causa comune...

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.