sabato 23 marzo 2019

Obiettivo: azzeramento dell'intelligenza discriminante


Risultati immagini per azzeramento dell'intelligenza discriminante
Da quando esiste Internet la gente si sta facendo più sveglia, ma insieme alla presa di coscienza collettiva, ci sono anche molte persone che vivono alcune paure che prima non conoscevano.
Molti temono, ad esempio, l'appropriazione indebita delle nostre informazioni personali da parte di Big Data. Altri temono che la teoria gender finirà per annullare le differenze fra il mondo maschile e quello femminile. Altri ancora temono che verremo tutti microchippati, con conseguente perdita della libertà individuale. Eccetera eccetera.
Ma tutte queste sono paure grossolane, palesemente visibili, e in quanto tali relativamente facili da fronteggiare: basta stare attenti a non mettere in giro i propri dati personali, uno pensa, ed ecco che il problema della privacy è risolto. Basta stare attenti a non farsi influenzare dalle ridicolaggini della teoria gender, uno pensa, e dentro di me non riusciranno mai a cancellare la differenza tra maschile e femminile. Basta rifiutarsi di farsi mettere i microchip, uno pensa, e la porta di casa mia continuerò ad aprirla con la vecchia chiave della serratura.
Ma queste, come dicevo, sono battaglie grossolane, visibili, che servono magari a tenerci impegnati su un fronte più tangibile, ma magari meno importante. C'è invece battaglia molto più sottile ed invisibile - ma molto più importante - che si sta combattendo oggi nel mondo: è la battaglia per ottenere l'appiattimento progressivo del nostro cervello.
Questa battaglia, sottile e strisciante, mira ad annullare ogni qualunque asperità di pensiero che si opponga in qualche modo al trionfo del pensiero dominante. E' una battaglia che è iniziata insieme ad internet, nel senso che nel momento stesso in cui il potere sì è accorto di aver messo un'arma micidiale nelle mani della popolazione, ha anche sentito il bisogno di contrastare la diffusione di quest'arma con una equivalente forma di repressione del libero pensiero.
Non a caso, i primi sintomi di questa battaglia sono stati avvertiti proprio dopo l'11 settembre. In quel periodo era in piena esplosione l'utilizzo di Internet, e fu proprio tramite Internet che iniziarono a diffondersi le prime teorie alternative sugli attentati delle Torri Gemelle. Non dimenticherò mai il giorno in cui George W. Bush disse in televisione: "Non tollereremo queste assurde e vergognose teorie del complotto". Era quello il segnale, mandato universalmente ai media di tutto il mondo, per iniziare a reprimere in ogni modo possibile qualunque obiezione alla versione ufficiale dei fatti. Tramite la derisione e l'isolamento del pensiero diverso, si iniziava a creare quella cesura insanabile fra il mondo dei giusti - di quelli che "credono nelle istituzioni" - e il mondo dei "paranoici complottisti", gente da evitare come la peste.
In altre parole, man mano che crescevano le capacità critico-analitiche della popolazione, il potere sentiva il bisogno di reprimere questa crescita con una spinta verso l'omologazione e il condizionamento ad un pensiero unificato, isolando nel contemnpo il diverso e il pericoloso.
Oggi siamo arrivati al punto che un popolare conduttore televisivo di TG possa permettersi di dare tranquillamente dei "babbei" a quelli che non credono ai viaggi sulla luna, con l'autorità di colui che sta dalla parte dei giusti e con l'automatica relegazione "dietro la lavagna" di tutti coloro che non si adeguano al pensiero unico.
Inoltre, questo esercizio di appiattimento del pensiero collettivo ha trovato uno splendido partner nel politically correct. E grazie a questo abbinamento si tende ormai ad annullare qualunque elemento nel pubblico discorso che possa in qualunque modo richiedere un intervento critico da parte degli individui. Pensate che in Inghilterra stanno mettendo degli avvisi nei libri classici della loro letteratura: prima di mettersi a leggere una tragedia di Shakespeare, ci toccherà leggere un avviso che dice: "Attenzione, questo testo contiene immagini violente che non sono adatte ad un pubblico troppo sensibile".
Addirittura, c'è una proposta al parlamento americano per rimuovere digitalmente tutte le sigarette dalla bocca degli attori degli anni '40-'70. Siccome fumare è "out", allora ci toccherà vedere sullo schermo Humphrey Bogart che tiene le dita divaricate davanti alla bocca, mentre aspira la fresca aria di montagna.
Ma il problema più grosso è che questo senso di colpevolizzazione che colpisce chiunque la pensi in modo diverso dal mainstream sta arrivando ormai a lambire i nostri rapporti quotidiani con gli altri esseri umani. Quando - per fare un esempio qualunque - ti trovi a parlare di vaccini con il tuo farmacista, e magari freni le tue parole, per non dire quello che sai veramente sui vaccini, "per paura che gli altri ti possano sentire e ti possano guardar male", è a questo punto che hai capito che la battaglia sta per essere definitivamente persa.
Il target dell'appiattimento totale del pensiero collettivo è ormai molto vicino. Se non ci ribelliamo - se ciascuno di noi esseri pensanti non si ribella, in modo sistematico e con tenacia irriducibile - a queste sottili onde di conformismo che tendono a coprire quotidianamente tutto ciò che facciamo, presto per noi la battaglia sarà perduta per sempre.
Massimo Mazzucco
Risultati immagini per Massimo Mazzucco

giovedì 21 marzo 2019

Europa. Base e bersaglio di una guerra nucleare USA

Risultati immagini per Europa. Base e bersaglio di una guerra nucleare USA
«La Russia non può più essere considerata un partner strategico e l’Unione europea deve essere pronta a imporle ulteriori sanzioni se essa continua a violare il diritto internazionale»: così stabilisce la risoluzione approvata dal Parlamento europeo il 12 marzo con 402 voti a favore, 163 contro e 89 astensioni.
La risoluzione, presentata dalla parlamentare lettone Sandra Kalniete, nega anzitutto la legittimità delle elezioni presidenziali in Russia, definendole «non-democratiche», presentando così il presidente Putin come un usurpatore.
Accusa la Russia non solo di «violazione dell’integrità territoriale dell’Ucraina e della Georgia», ma dell’«intervento in Siria e dell’interferenza in paesi come la Libia», e, in Europa, di «interferenza mirante ad influenzare le elezioni e ad accrescere le tensioni».
Accusa la Russia di «violazione degli accordi di controllo degli armamenti», attribuendole la responsabilità di aver affossato il Trattato Inf.
La accusa inoltre di «estese violazioni dei diritti umani al suo interno, comprese torture ed esecuzioni extragiudiziali», e di «assassini compiuti da suoi agenti con armi chimiche sul suolo europeo».
Al termine di queste e altre accuse, il Parlamento europeo dichiara che il Nord Stream 2, il gasdotto destinato a raddoppiare la fornitura di gas russo alla Germania attraverso il Mar Baltico, «deve essere fermato perché accresce la dipendenza della Ue dalle forniture russe di gas, minacciando il suo mercato interno e i suoi interessi strategici».
La risoluzione del Parlamento europeo ripete fedelmente, non solo nei contenuti ma nelle stesse parole, le accuse che Usa e Nato rivolgono alla Russia. E, cosa più importante, ripete fedelmente  la richiesta di bloccare il Nord Stream 2: obiettivo della strategia di Washington mirante a ridurre le forniture energetiche russe all’Unione europea per sostituirle con quelle provenienti dagli Stati uniti o comunque da compagnie statunitensi.
Nello stesso quadro rientra la comunicazione della Commissione europea ai paesi membri, tra cui l’Italia, intenzionati ad aderire alla iniziativa cinese della  Nuova Via della Seta: la Commissione li avverte che la Cina è un partner ma anche un concorrente economico e, cosa della massima importanza, «un rivale sistemico che promuove modelli alternativi di governance», in altre parole modelli alternativi alla governance finora dominata dalle potenze occidentali.
La Commissione avverte che occorre anzitutto «salvaguardare le infrastrutture digitali critiche da minacce potenzialmente serie alla sicurezza», derivanti da reti 5G fornite da società cinesi come la Huawei messa al bando negli Stati uniti.
La Commissione europea ripete fedelmente l’avvertimento degli Stati uniti agli alleati. Il Comandante Supremo Alleato in Europa, il generale Usa Scaparrotti, ha avvertito che le reti mobili ultraveloci di quinta generazione svolgeranno un ruolo sempre più importante nelle capacità belliche della Nato, per cui non sono ammesse «leggerezze» da parte degli alleati.
Tutto ciò conferma quale sia l’influenza che esercita il «partito americano», potente schieramento trasversale che orienta le politiche dell’Unione lungo le linee strategiche Usa/Nato.
Costruendo la falsa immagine di una Russia e una Cina minacciose, le istituzioni Ue preparano l’opinione pubblica ad accettare ciò che gli Usa stanno preparando per «difendere» l’Europa: gli Stati uniti – ha dichiarato alla CNN un portavoce del Pentagono – si preparano a testare missili balistici con base a terra (proibiti dal Trattato Inf affossato da Washington), cioè nuovi euromissili che faranno di nuovo dell’Europa la base e allo stesso tempo il bersaglio di una guerra nucleare.
Manlio Dinucci - #NO GUERRA #NO NATO

mercoledì 20 marzo 2019

Milano, 30 marzo 2019: "La Jugoslavia di ieri le rovine di oggi" di Fulvio Grimaldi - Commemorazione della prima guerra umanitaria USA, UE e NATO



Il 24 marzo 1999 Usa, UE e Nato inaugurarono, affiancati dai “pacifisti” in pellegrinaggio a Sarajevo, l’epoca delle “guerre umanitarie” e delle distruzioni di Stati e popoli disobbedienti.. Furono i primi bombardamenti su Belgrado. Quel giorno abbandonai per sempre RAI e TG3 e, presa al volo una telecamera, mi precipitai in Serbia per offrire al pubblico una documentazione degli eventi, diversa dalle menzogne che parlavano di “intervento umanitario contro il dittatore Milosevic”. 

Il primo documentario, realizzato sotto i raid Nato in partenza dall’Italia, sotto il governo del premier D’Alema e del ministro della Difesa Mattarella, demistifica il contesto propagandistico e illustra l’eroica resistenza di coloro di cui scrissi “meglio serbi che servi”. Il secondo, girato l’anno dopo, racconta gli spaventosi danni economici, sociali, ambientali inflitti dagli aggressori, la quasi miracolosa ricostruzione, l’afflusso dei profughi dal Kosovo, la minaccia della quinta colonna interna che portò all’arresto di Milosevic, tre giorni dopo avermi concesso l’ultima sua intervista, e alla sua successiva eliminazione nel carcere Usa dell’Aja. 

Appena tornato dalla conferenza internazionale di Belgrado, il mio intervento cercherà di aggiornarci sulla Serbia di oggi, sullo sfondo delle rinnovate minacce interne ed imperialiste.

Fulvio Grimaldi 

Risultati immagini per Fulvio Grimaldi


martedì 19 marzo 2019

Israele, tempo di elezioni: "Gaza delenda est..!"



Risultati immagini per Patrizia Cecconi comune info

Le elezioni del 9 aprile 2019 in Israele, per Benjamin Netanyahu, non sono certo prive di rischi. Sul consenso al suo governo pesano cause per frode e corruzione e gli avversari del premier alzano i toni sulle ossessioni di sempre: le presunte trame contro la sicurezza dello Stato ebraico. 

È dunque il tempo di farla finita con le minacce terroristiche che covano nel rancore di Gaza e di riprendere (come se non si uccidesse ogni giorno) alla scala opportuna le punizioni esemplari nei confronti di chi resiste attentando, con la sua sola esistenza, alla tranquillità del solo Stato “democratico” del Medioriente. I due razzi lanciati (senza conseguenze) giovedì scorso su Tel Aviv sono a dir poco provvidenziali, tanto puntuali quanto stranamente non rivendicati. 

Impossibile non nutrire seri dubbi su chi abbia deciso di lanciarli proprio ora, ma il premier del Likud non ha dubbi: i responsabili sono i nemici di sempre, l’Iran e l’islam. Un’intera notte (per ora) di bombardamenti sulla Striscia s’imponeva, le postazioni nemiche (cioè tutto il territorio) vanno debellate. Un bombardamento molto “elettorale” che difficilmente si fermerà...

Patrizia Cecconi

Immagine correlata


lunedì 18 marzo 2019

Via della Seta, o via dell’elettrosmog? E' solo questione di 5G...



Risultati immagini per 5G, la morte che non cammina sul filo


Ennesimo scazzo: 5Stelle pro memorandum con Xi Jinping (sai che export!), Salvini e tutto il monopolarismo contro (ci comprano e ci spiano. Gli americani invece…). Se dovessi scegliere, a dispetto di quanto aggiungo dopo, non avrei dubbi tra chi dal 1949, con invasioni militari, sanzioni e colpi di Stato, ha aggredito una sessantina di paesi, dalla Corea al Venezuela, facendo una cinquantina di milioni di morti (solo da effetti diretti) e chi, al di là dell’ assediarmi con prodotti di schifo, non ha fatto nulla di male né a me, né ad altri e neppure ha mosso guerra a nessuno. Cosa , questa, che al sovranista Salvini rende del tutto preferibile gli Usa alla Cina. 

Comunque sempre globalizzazione è, che, come s’è visto, alla vita, ai territori, alle comunità, alla cultura, all’identità, porta a nulla di buono. 8000 chilometri di interconnessioni saranno pure utili, ma chilometro zero è meglio.

Risultati immagini per 5G, la morte che non cammina sul filo

5G, la morte che non cammina sul filo
Abbiamo visto il tabù innominabile dei ragazzini per il clima e dei loro sponsor: i nomi dei delinquenti. C’è un altro tabù, ugualmente scaltro e con esiti parimenti letali. Il 5G. Ciò per cui si accapigliano nordamericani e cinesi è lui, il 5 G e su chi ci faccia i soldi e a spese di chi, facendosi pagare l’ipervelocità delle connessioni (100 volte più veloci dell’attuale 4G) dagli utenti e facendone pagare il costo ultimo, l’avvelenamento elettromagnetico, a tutti. Compreso il miliardo, un sesto della popolazione mondiale, che muore di fame e stenti nelle bidonville, ma ha comunque uno smartphone in famiglia e un’antenna sulla testa.

Da noi il 5G è già sperimentato in varie località, compresi gli stadi di Roma e Udine che, essendo spesso densamente popolati, offrono un ottimo risultato in termini di efficacia e vittime. Verranno installate, al posto di fibra e cavi, che sono del tutto inoffensivi alla salute delle creature, centinaia di migliaia di nuove antenne, una per palazzo, ogni 250 metri, perché l’ultravelocità fa onde più corte e copre poca distanza. Ognuna di queste emetterà ininterrottamente potenti radiazioni elettromagnetiche ad altissima frequenza e altissima intensità. Quelle che già col 2G, 3G, 4G, erano state scoperte nocive all’udito, al cervello, agli organi. 

Usavano frequenze tra 1 e 5 gigahertz. Le 5G vanno dai 24 e i 90 gigahertz. Più alta la frequenza e più nociva per i viventi. Ma le radiazioni non si vedono e così la gente non ci fa caso. E pensare che in un’università israeliana hanno scoperto che il corpo umano fa pure lui da antenna e assorbe alla grande radiazioni 5G.


Fulvio Grimaldiwww.fulviogrimaldicontroblog.info

Risultati immagini per Fulvio Grimaldi

domenica 17 marzo 2019

L'alterazione ecosistemica non è segno di progresso - Disinquinamento del pianeta e disinquinamento della mente invece lo è...


Risultati immagini per Disinquinamento del pianeta e disinquinamento della mente

A commento ed integrazione  dell’effettivamente dubbio evento mediatico rappresentato dalla nuova icona ambientalista,  “Greta”, che  confonde pateticamente decrescita e sviluppo sostenibile. Anche noi, che ci consideriamo ecologisti profondi più che ambientalisti, riteniamo che la tecnologia possa essere  fonte di progresso, ma non di certo debba essere utilizzata unicamente per la produzione di morto denaro. Distruzione delle foreste e degli altri ecosistemi naturali, contaminazione di acqua, aria e cibo, alterazione significativa degli equilibri fisico-chimici a livello globale non sono il prezzo da pagare al progresso, ma al profitto.

Le scelte degli enti governativi, ad esempio sulle energie rinnovabili, sono andate in direzione addirittura opposta alle tante chiacchiere e convenzioni su riduzione dell’inquinamento e società sostenibile, come dimostra il Testo Unico Forestale Italiano e in generale la politica europea sulle biomasse che continua a percepire le foreste come Risorsa economica e non come servizio eco-sistemico necessario per la vivibilità dell’intera biosfera. Governi che si oppongono proprio alla scienza e alla tecnologia continuando a favorire gli obsoleti idrocarburi e in generale le inquinanti e insostenibili filiere dedite alla combustione compresa quella del legno.

Prendersela con gli adulti come fa Greta è un tipico comportamento infantile, perché i responsabili delle azioni sono gli amministratori delle aziende e degli stati, non la popolazione adulta che spesso subisce semplicemente danni irreparabili per favorire “competività” e “prodotto interno lordo”. Che non ha possibilità di scelta sulle decisioni relative a piani energetici, industriali e produttivi che continuano a favorire la devastazione ambientale causa prima degli eventi climatici estremi.

È vero che l’Istituto Europeo Forestale ha sottolineato come negli ultimi quarant’anni le foreste in Europa siano aumentate del 43% e le foreste in Italia si sono estese. Ma è vero anche che si tratta appunto di boschi giovani, spesso sovra-sfruttati anche in zone a forte pendio, scarsamente tutelati per quanto riguarda la creazione di oasi a libera crescita, danneggiati da strade di penetrazione, alterati nella composizione per fini produttivi o addirittura del tutto artificiali. Inoltre il Testo Unico Forestale non considera affatto la tutela della biodiversità nelle foreste e nemmeno la necessità di appropriate zonizzazioni che abbiano come perno gli ecosistemi e i servizi che essi possono offrire.

Non bisogna poi di certo guardare al proprio orticello. Secondo il rapporto di valutazione globale delle foreste elaborato dalla FAO, dal 1990 al 2015 sono andati perduti circa 129 milioni di ettari di foresta un’area equivalente quasi all’intero Sud Africa. Inoltre a livello globale stanno scomparendo le foreste primarie, grandi immagazzinatrici di carbonio, produttrici di ossigeno, stabilizzatrici del ciclo dell’acqua, fondamentali nella tutela dall’erosione di aree addirittura a livello continentale.

Uno studio olandese, pubblicato su Science Advances all’inizio del 2017, ha potuto verificare che la superficie delle foreste incontaminate è diminuita del 7,2% a livello mondiale nel periodo tra il 2000 e il 2013. Infatti nel 2000 sono state individuate IFL (Intact Forest Landscape) in 65 paesi, di cui due terzi in Russia, Brasile e Canada; dopo 13 anni però la riduzione delle foreste nei primi tre paesi ha toccato il 52%. Se questo trend di perdita IFL dovesse continuare al tasso medio registrato tra il 2000 e il 2013 nei prossimi 20 anni Paraguay, Laos, Cambogia e Guinea equatoriale perderebbero la loro intera area IFL e entro 60 anni altri 15 paesi subirebbero la stessa sorte.

Le foreste nel mondo, oltre a garantire cibo, energia e stabilità economica, sono indispensabili per il terreno e il clima e, se ben integrate con il settore agricolo, ne possono aumentare la produttività. Inoltre, le foreste naturali contribuiscono a conservare genotipi e a mantenere la composizione di specie arboree naturali fornendo habitat vitali a specie in pericolo. Nelle foreste abita la più alta densità di diversità biologica e queste ospitano più della metà delle specie terrestri di animali, piante e insetti.

I cambiamenti climatici in atto, a prescindere dal peso dei vari fattori coinvolti e dalla loro effettiva gravità, che siano di origine antropica o naturali,  sono resi più devastanti dalla distruzione del suolo, del manto naturale del pianeta, dei grandi ecosistemi e dei loro servizi che hanno garantito per milioni di anni equilibri che la geoingegneria può garantire solo con immense spese pubbliche oltre che con la perdita delle caratteristiche naturali e danni immensi per l’intera biosfera agli ecosistemi e ai loro insostituibili servizi.

Nella nostra nazione non sono gli eventi climatici il vero problema, ma:

dissennata antropizzazione e artificializzazione del territorio che procede inarrestabile proprio in nome del necrofilo culto dell’economia o addirittura per pretesi fini di “sicurezza idrogeologica”;
errate pratiche agricole, con finanziamenti a pioggia per coltivazioni non vocate nelle aree sbagliate e uso intensivo di diserbanti;
necrofile tecniche forestali che non considerano il suolo, l’ecologia bioregionale, la protezione delle specie minacciate e i servizi eco-sistemici del sistema forestale, ma solo la possibilità di guadagnare utilizzandolo come risorsa.

Non si tratta di costruire macchine per assorbire l’anidride carbonica, velare il cielo per respingere i raggi solari incidenti o impoverire intere nazioni riducendo con la violenza e non con la coscienza i consumi dei cittadini, ma di diffondere una visione bioregionale, che percepisca l’importanza della Grande Madre Natura da cui dipende la qualità delle stesse cellule che ci compongono e la nostra attività mentale. A livello politico è necessario imporre la tutela del territorio come priorità e non solo come possibilità.


European Consumers - Condiviso e sottoscritto da Paolo D'Arpini responsabile di European Consumers Tuscia

Risultati immagini per paolo d'arpini European Consumers Tuscia


Intervento del fisico Carlo Rubbia:   https://youtu.be/4_T1QNRtToc?t=199

Articoli collegati:   http://247.libero.it/lfocus/25417575/0/european-consumers-tuscia-paolo-d-arpini-utero-in-affitto-e-alterazione-di-stato/





sabato 16 marzo 2019

Lettera aperta sull'antisemitismo a "Il Manifesto", giornale sionista


 Risultati immagini per 'antisemitismo
Il Manifesto del 15 marzo 2019  ha pubblicato un inserto di 4 pagine sull'antisemitismo in cui, in quasi tutti gli articoli, si assimila l'antisionismo e/o la critica a Israele all'antisemitismo e, nel caso di un'intervista ad Agnes Heller, nota intellettuale marxista ungherese, si afferma che chi si occupa di Israele lo fa perché antisemita, in quanto ci sono situazioni ben peggiori contro cui protestare, come ad esempio la Turchia. Sono considerazioni che riprendono in pieno la propaganda israeliana, e questo è doppiamente grave, in quanto si tratta di articoli pubblicati da "Il Manifesto" (che nel frattempo non ha ancora pubblicato un'intervista fatta tre giorni fa dalla giornalista del Manifesto Chiara Cruciati a Virginia Tilley, esperta di diritto internazionale e co-autrice di un rapporto ONU sull'apartheid israeliano) e perché siamo in un contesto in cui procede sempre più insistente il tentativo di criminalizzazione del movimento di solidarietà con la Palestina a fronte delle politiche sempre più esplicitamente annessioniste, razziste e fondamentaliste che dominano la politica israeliana.
Vi chiedo quindi di mandare lettere di protesta a Il Manifesto, sperando che serva a creare almeno un serio dibattito su quello che stanno pubblicando. 
Di seguito la mia lettera,  per chi non li avesse letti i brani degli articoli incriminati, e per dare un'idea più chiara della questione... (A.R.)
Risultati immagini per Il Manifesto del 15 marzo 2019 inserto sul sionismo


Alla redazione del Manifesto.

Sono rimasto sconcertato e indignato dal vostro inserto odierno relativo all’antisemitismo. Pur non negando la gravità della questione, trovo vergognoso che il giornale che leggo da decenni e che ho contribuito a finanziare in più occasioni si presti a dare spazio ad affermazioni che ripetono i più noti argomenti della propaganda israeliana:
1) l’antisionismo e la critica contro Israele (con più di una citazione al BDS) come forma di antisemitismo;
2) c’è ben di peggio delle politiche israeliane, quindi chi si occupa di quelle lo fa in quanto antisemita.

A questo proposito mi colpisce quanto afferma un’intellettuale famosa e stimata come Agnes Heller, alla quale bisognerebbe ricordare quali sono state le politiche di Israele nei confronti dei palestinesi fin dalla sua nascita, ma anche che la campagna contro Soros di Orban, che ha alimentato l’antisemitismo in Ungheria, è stata ideata da due consulenti ebrei americani e che Netanyahu detesta anche lui Soros perché finanzia gruppi israeliani per i diritti umani. (https://www.haaretz.com/misc/article-print-page/.premium-who-you-calling-an-auto-anti-semite-1.6876609; http://zeitun.info/2017/07/29/linnamoramento-di-israele-per-gli-antisemiti-ungheresi-mette-in-luce-lorribile-essenza-del-sionismo/; http://zeitun.info/2018/10/19/la-frottola-del-giorno-lantisemitismo-e-la-negazione-dellautodeterminazione-degli-ebrei/)
Ad Heller ed agli esponenti della comunità ebraica da voi interpellati andrebbe obiettato che non solo non dicono una parola riguardo alla già citata deriva di estrema destra in Israele, ma neppure alle ottime relazioni del governo di quel Paese con personaggi razzisti ed antisemiti in tutto il mondo, dagli USA alle Filippine, dal Brasile alla Polonia, dall’India all’Ungheria, senza dimenticare la cordialissima accoglienza riservata a Salvini. In compenso accusano di antisemitismo, seguendo anche qui la propaganda israeliana, il partito Laburista di Corbyn o i giovani parlamentari della sinistra democratica negli USA.

Voi date spazio a queste opinioni proprio nel momento in cui in Israele le posizioni colonialiste, razziste e fondamentaliste sono sempre più esplicite e il rischio di annessione dei territori palestinesi occupati è sempre più concreto. Ci sono per fortuna intellettuali ebrei molto più avvertiti (https://www.liberation.fr/debats/2019/02/28/l-antisionisme-est-une-opinion-pas-un-crime_1712216; https://www.middleeasteye.net/fr/news/rony-brauman-les-declarations-demmanuel-macron-nourrissent-et-amplifient-lantisemitisme; https://jacobinmag.com/2019/02/macron-antisemitism-zionism-racism), e persino sul New York Times (https://www.nytimes.com/2019/01/07/opinion/rashida-tlaib-profanity.html) ma che la vostra inviata in Francia non ha mai nominato, che si rendono conto dell’enorme pericolo per la comunità ebraica di questa assimilazione tra antisionismo e antisemitismo e della criminalizzazione del movimento BDS e in generale della solidarietà con i palestinesi.

Dopo tanti anni ed una serie di recenti episodi che mi fanno pensare che questa stia diventando una presa di posizione costante almeno di una parte significativa della vostra redazione, che smentisce l’ottimo lavoro di Michele Giorgio e Chiara Cruciati, sto pensando di non rinnovare l’abbonamento al Manifesto.

Amedeo Rossi