mercoledì 28 luglio 2021

Sardegna in fiamme ed animali che salvano altri animali...



Alle oltre 1500 persone sfollate, si aggiunge anche il dramma degli animali; non si conoscono i numeri, ma stanno arrivando moltissime notizie di animali bruciati vivi, o morti soffocati per il fumo inalato.

La storia di un cane è straordinaria: il suo corpo è ricoperto di ustioni, perché è rimasto al suo posto, a fare il suo lavoro, a proteggere il gregge, senza seguire gli umani sfollati.

Ce la farà.

E' stato salvato da un veterinario che ora lo sta curando. Un’altra storia commovente e bella è stata raccontata dagli abitanti di Tresnuraghes (Oristano). Mentre andavano via dalle loro case evacuate, hanno visto arrivare due cani pastore maremmani, con il loro gregge.

Sono entrati in città.

Hanno guidato le loro pecore DA SOLI, senza il loro pastore. Sono riusciti a salvare il gregge. Due EROI meravigliosi a 4 zampe. Ecco che forse non tutto è perduto.

Grazie amici, avete commosso anche noi. Sono esempi che ci ricordano che i cani sono speciali, che devono essere tutelati e oggi rappresentano simboli di speranza di questo dramma.


Dott. Giuseppe Di Prima -  http://www.lacitta.eu/

martedì 27 luglio 2021

Pegasus. Spie e spioni virtuali al servizio delle dittature occidentali (ed oltre)



Edward Snowden l’ha definita “la storia dell’anno”. Una società di spionaggio israeliana è stata sorpresa a vendere software a regimi autoritari che lo utilizzano per sorvegliare più di 50000 persone nel mondo. La compagnia è la NSO, fondata nel 2010 da ex-membri dell’Unità 8200, la famigerata squadra di intelligence dell’esercito israeliano. Il loro prodotto si chiama Pegasus ed è venduto a forze armate, forze dell’ordine e agenzie di intelligence in 40 Paesi, tra cui i peggiori governi al mondo a violare i diritti umani. 

In questo “MintCast”, la giornalista investigativa Whitney Webb si unisce a Mnar Adley per discutere di Pegasus, Toka e della rete globale dello spionaggio israeliano. Whitney Webb è scrittrice e ricercatrice per Unlimited Hangout e The Last American Vagabond. Si occupa principalmente di intelligence, tecnologia, sorveglianza e libertà civili. Tra il 2017 e il 2020 fu anche reporter investigativo per MintPress . Il suo ultimo articolo, “Incontra Toka, la più pericolosa azienda di spyware israeliana di cui non hai mai sentito parlare”, è stato pubblicato da MintPress questa settimana.

Pegasus è in grado di attaccare i cellulari degli individui presi di mira senza che se ne rendano conto, monitorando e registrando chiamate e messaggi e accedendo ad altre informazioni memorizzate sui dispositivi. È noto che decine di attivisti per i diritti umani, 200 giornalisti, diversi monarchi arabi e più di 600 politici sono stati spiati e compromessi nelle comunicazioni. Tra questi vi sono il presidente francese Emmanuel Macron, il primo ministro pakistano Imran Khan e il presidente dell’Iraq Barham Salih. Anche gli stretti collaboratori del giornalista del Washington Post Jamal Khashoggi furono attaccati e compromessi poco prima del suo omicidio da parte di agenti sauditi nel 2018, indicando con forza che le informazioni raccolte tramite Pegasus furono cruciali in ciò. NSO negava che il suo prodotto sia stato utilizzato nell’assassinio. Eppure rilasciò una dichiarazione in cui insisteva sul fatto che non aveva accesso a ciò che i suoi clienti facevano col software, due affermazioni apparentemente contraddittorie.

La storia di Pegasus fece scalpore anche in India, dove fu rivelato che il primo ministro Narendra Modi l’usò per spiare gli oppositori politici in vista delle elezioni del 2019. L’Indian Congress Party accusò il primo ministro di tradimento. Fu anche rivelato che il governo aveva hackerato il telefono di una donna che accusò il presidente della Corte Suprema dell’India di averla violentata, una rivelazione che mina il sistema giudiziario e il concetto di un processo equo. Eppure una nuova indagine di MintPress News afferma che Pegasus è solo la punta dell’iceberg dello spionaggio informatico israeliano e che un altro software, Toka, è molto più pericoloso. Toka si propone come “uno sportello unico di hackeraggio per i governi che richiedono capacità extra per combattere i terroristi e altre minacce alla sicurezza nazionale nel dominio digitale”. Il software dell’azienda è progettato per infiltrarsi in qualsiasi dispositivo connesso a Internet, non solo negli smartphone. Toka è un prodotto dello stato di sicurezza nazionale israeliano, essendo stato co-fondato dall’ex-primo ministro Ehud Barak e progettato dai membri dell’Unità 8200, portando Webb a suggerire che sia una facciata del governo israeliano.

Mnar AdleyOrinoco Tribune 

Fonte italiana: http://aurorasito.altervista.org/?p=18922

domenica 25 luglio 2021

Draghi e draghetti. Dal Britannia... all'artiglio della perfida Albione sull'Italia

Ciò che qualsiasi persona accorta avrebbe dovuto annotare... anche alla luce della conoscenza storica che ci mostra, per l'Italia e l'Europa, Papi e Principi trescare  a danno dei popoli, consiste nella presenza di questo già oscuro personaggio, oggi a Capo del Governo Italiano, dopo la sua scalata verso i vertici del potere usuraio privato, ma  c'è ancora qualcuno che crede al caso!?


Il caso non esiste così come non esiste la Casualità della epidemia. I molti libri che ho spesso mostrato, tutti scritti in decenni precedenti (...ma occorre tener presente che gli Italici NON leggono....) dimostrano che tutto quanto sta accadendo è stato preparato accuratamente. 

Una apparente eccezione al copione è data dalla duplice sceneggiata Grillo (Talpa) e Konte(sto) i quali in rappresentanza rispettivamente degli investimenti di Sassoon e dell'ideologia di Villa Nazareth, contendono parte degli introiti  di Draghi, ovvero, come in ogni onorata partita in Borsa, ci si premura di ipotecare alcune frazioni del futuro.

Il fatto significativo è appunto la PALESE manifestazione di "Dominio" esibita dalla Gran Bretagna, alla quale dopo la fine del secondo conflitto mondiale è stato ri-assegnato il controllo sull'Italia in condominio col Sacro Soglio. Si tratta di una secolare appropriazione, mentre gli USA, sempre figli del Puritanesimo anglico, si accontentano di tenere strette 130 basi militari (+ quelle segrete) ed il territorio siciliano.

Giorgio Vitali



Video collegato: https://youtu.be/WqnwTcmCkgY 

sabato 24 luglio 2021

Green Pass: "come dove perché" - Stralcio dal comunicato stampa del governo


Sarà possibile svolgere alcune attività solo se si è in possesso di:

1.                             certificazioni verdi Covid-19 (Green Pass), comprovanti l’inoculamento almeno della prima dose vaccinale Sars-CoV-2 (validità 9 mesi) o la guarigione dall'infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi)

2.                             effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore)

Questa documentazione sarà richiesta poter svolgere o accedere alle seguenti attività o ambiti a partire dall’6 agosto prossimo:

§                                 Servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso

§                                 Spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi

§                                 Musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;

§                                 Piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;

§                                 Sagre e fiere, convegni e congressi;

§                                 Centri termali, parchi tematici e di divertimento;

§                                 Centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione;

§                                 Attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;

§                                 Concorsi pubblici.


.....................


Commento di Marco Palombo: "Passerà senza reazioni anche questo? Temo di si, io, VACCINATO, non sarò complice di questi imbrogli. L' aumento dei contagi era scontato, o almeno io ne ero certo, il governo lo ha agevolato con un clima da "liberi tutti". Ditemi quello che volete, qualcuno però mi dica anche il nome di chi ha autorizzato la festa a Roma con il bus scoperto e la nazionale di calcio, Il prefetto era contrario, chi l'ha autorizzata ?"



Commento di Marinella Correggia: "...sarà anche peggio, perché da settembre anche i treni e corriere a percorrenza medio lunga saranno con carbonpass. E' quello che mi pesa. Non vado a spettacoli, né palestre o ristoranti o centri termali ecc, ma treni e pullman sono la mia libertà di muovermi. Quindi mi condannerò alla segregazione perché non accetto le cose assurde. Al calcio miliardo sono state permesse cose turche (che il governo avrebbe potuto bloccare, visto che appunto il prefetto era contrario), e invece faranno storie per salire su treni semivuoti (e anche Flixbus è semivuota).dove oltretutto tutti hanno la mascherina (a differenza di calcio e dintorni). Altra cosa assurda: a livello globale manca un sacco di vaccini ma chi dice "io aspetto" è considerato un egoista. Accusa insopportabile.  E poi: in Olanda a un mega-raduno dove sono entrati solo con il pass vaccinale o tamponati, si sono "sviluppati" migliaia di positivi, è dunque tutto folle." 


Petizione contro il passaporto sanitario (green pass):   http://www.circolovegetarianocalcata.it/2021/07/22/petizione-contro-listituzione-di-un-passaporto-sanitario-green-pass/

venerdì 23 luglio 2021

Contagio. Ultima ratio del sistema... - Lettera aperta ai "vaxxinati"

 


Ante scriptum: “L'Invenzione della psicosi terroristica del "Contagio", la paura della pandemia, è in realtà un mito, un'invenzione del Sistema che non ha trovato altre possibilità di mantenimento al potere che spaventare i popoli con lo spauracchio del Nuovo Leviatano. Le scelte di civiltà saranno sempre più dure ma il fatto che Lorsignori siano costretti a ricorrere all'imposizione di vaccini, passaporti sanitari, restrizioni di ogni genere, ecc. ci dice che il loro potere traballa, entra in campo un nuovo Paradigma...” (G.V.)



Lettera aperta a "vaxxinati" 

Siete arrabbiati, vi siete vatti inoculare.  Lo capisco. Lo sarei anche io. Ci si incazza sempre quando ci fregano. Vi hanno mentito. Vi hanno fatto credere. Avete avuto fiducia. Fiducia cieca. E vi hanno fregato. So bene come ci si sente quando viene tradita la fiducia. Fa incazzare da bestia! Vi siete fidati della scienza (federfarma), dei medici (prezzolati), degli scienziati (collusi), dei politici (dei politici?). E hanno tradito la vostra fiducia. Siete incazzati neri. Però adesso basta. Occorre che ne prendiate atto. È ora di elaborare quella rabbia. Tanto, ormai, lo avete fatto. Starete più attenti la prossima volta. E non serve che ve la prendiate con i non-vaccinati. Loro sono vittime, esattamente come voi. Solo che hanno un pessimo difetto: non si fidano del sistema! Nemmeno della madre si fidano, figuriamoci della scienza, dei medici, degli scienziati, dei politici. Hanno sviluppato quella cattiva abitudine di voler sempre prima toccare con mano. Avete presente il tipo?   Non gli bastano le rassicurazioni della pubblicità, devono approfondire...

Lo so. I politici, gli scienziati, i tecnici e gli esperti vi avevano detto che vi sareste immunizzati con il vaccino. Ma non è vero. Vi avevano detto che poi  potevate andare in qualsiasi parte. E non è vero,  perché, se risultate positivi, vi mettono in quarantena. Vi avevano detto che avrebbero debellato il virus creando l'immunità di gregge. E non è vero perché, dopo milioni di vaccinazioni, i contagi sono aumentati in quanto i vaccini sono responsabili delle varianti. Ecchecazzo, anche io sarei incazzato... non ne hanno detta una giusta! Ma loro insistono. Adesso vogliono farvi credere che la colpa sia dei non-vaccinati, che sono loro gli "untori",  quelli che contagiano. E sapete qual'è il colmo? Che ci crediate ancora una volta e magari vi fate impiantare pure il microchip!

(Mirko Gilberto Sparaventi)




mercoledì 21 luglio 2021

Cartabia. Controriforma pro ingiustizia...


 

La Riforma Cartabia, nodi e numeri in campo. Il provvedimento è atteso in aula il 23 luglio 2021.

Il procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, ha smantellato il testo della Guardasigilli Marta Cartabia: “Le conseguenze saranno la diminuzione del livello di sicurezza per la Nazione, visto che certamente ancor di più conviene delinquere, l’annullamento totale della qualità del lavoro, un aumento smisurato di appelli e ricorsi in Cassazione perché se prima qualcuno non presentava impugnazioni con questa riforma a tutti conviene, non foss’altro per ingolfare di più la macchina della giustizia”. E a rincarare la dose ci si è messo anche il Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, Federico Cafiero De Raho. Nel mirino ancora “la riforma della prescrizione con la norma sulla improcedibilità che scatta se il processo in appello non si conclude in 2 anni e in Cassazione in uno, indipendentemente dalla gravità dei reati per i quali si procede”. Si prospettano, dunque, “conseguenze molto gravi nel contrasto alle mafie, al terrorismo e alle altre illegalità”  (Fonte: Il Fatto Quotidiano)


PRESCRIZIONE PROCESSUALE - E' il punto più divisivo, aggredisce la riforma Bonafede del 2019 che aveva congelato la prescrizione. Si prevede che durante il primo grado decorra regolarmente, mentre in appello ci sono due anni per celebrare il processo, un anno per il giudizio di Cassazione. Se il timing non viene rispettato il processo si ferma, diventa "improcedibile". Possibile prevedere l'allungamento dei tempi di un ulteriore anno in appello, e di altri sei mesi in Cassazione. Dovrebbero anche essere fatti salvi i diritti delle vittime dei reati di proseguire la causa per il risarcimento dei danni davanti al giudice civile, anche nel caso di processi 'fermati' dalla nuova tempistica. Questo 'nodo' è il più difficile da digerire per i Cinquestelle e la loro "lotta all'impunità". Secondo l'Associazione nazionale magistrati, sono 150mila i processi che in appello finirebbero nella 'tagliola' per il contingentamento dei tempi." 


lunedì 19 luglio 2021

"La luna in pieno giorno" di Paola de Paolis - Recensione

 



"La luna in pieno giorno" di Paola de Paolis è  una raccolta poetica dai toni intimistici e dalle grazie evocative con conclusioni in apparenza ermetiche, che esprimono in realtà un estremo pudore metafisico che lascia all'allusione e soprattutto al Cuore il compito di intravedere e viaggiare per lo spazio multidimensionale creato dai suoi versi.

Un riserbo che cinge in protezione Cieli e Terre di superba bellezza e toccanti verità, di cui essere prima meritevoli e poi consapevoli. Ecco allora una voce, di quella poesia assoluta così bene tratteggiata da Sri Aurobindo, che ha ispirato questa nuova collana di Poesia Futura.

Per Sri Aurobindo infatti "occorre un certo volo e non solo una agilità ed una grazia priva di errori. La poesia che viene dai piani al di sopra della mente o dal Sovramentale stesso, deve possedere sempre nella sua stessa natura questa qualità essenziale (...) Quella qualità può aprire la poesia all'espressione di nuovi domini di visione, esperienza  e sentimento - specialmente la poesia spirituale e la poesia mistica più elevata - che un'ispirazione più mentale non potrebbe vedere ed esprimere pienamente e potentemente."

Si tratta di qualcosa che va sentito e non spiegato e che richiede una sensazione intuitiva, giacchè questo genere di poesia non appartiene alla coscienza mentale, nè a quella vitale o fisica, ma piuttosto ad una coscienza cosmica.

Paola De Paolis, esordito giovanissima come poetessa e critica letteraria, ha tradotto nei decenni le opere più importanti di Sri Aurobindo, approfondendo e coltivando il proprio percorso in distacco e isolamento pressochè totale dagli avvicendamenti mondani.

Dal riserbo quasi assoluto delle sue esperienze interiori, esce ora questa svettante e sorprendente raccolta poetica,  nella quale il lettore potrà scorgere, tra la grazia dei versi e il costante e preciso riferimento metafisico, alcune mappe possibili del tesoro spirituale che preziosamente racchiude.

Un volume agile e straordinario al tempo stesso, che inaugura l'importante collana di Poesia Futura, riservata alle espressioni poetiche spirituali e mistiche più elevate, secondo la visione sovramentale di Sri Aurobindo.


Paola De Paolis


Per ordinare il libro:  Fiorigialli.it  - info@fiorigialli.it